Scheda del film

CATALOGO VENEZIA 74.

BARBIANA ‘65 la lezione di don Milani
Durata: 62’
Anno: 2017
Formato di ripresa HD, v.o. it. , sott. Ing, b/n e colore (repertorio e riprese)

Regia di Alessandro G.A. D’Alessandro
Con:
Don Lorenzo Milani, priore di Barbiana
Angelo D’Alessandro, regista, autore e produttore delle riprese a Barbiana del ‘65
I ragazzi di Barbiana
Adele Corradi, insegnante, a fianco di don Milani a Barbiana dal 1963 fino alla morte di don Milani
Beniamino Deidda, ex Procuratore Generale di Firenze, componente del Comitato Direttivo della Scuola Superiore della Magistratura, subito dopo la morte di don Milani ha realizzato insieme ai ragazzi di Barbiana e di Calenzano la “Scuola popolare di San Donato”, dove ha insegnato per molti anni.
Don Luigi Ciotti, fondatore nel 1965 del Gruppo Abele e nel 1995 di Libera, realtà che nell’impegno sociale, culturale ed educativo devono molto alle profetiche intuizioni di don Milani.

Soggetto di Alessandro G.A. D’Alessandro, Laura Pettini, Silvia Pettini
Sceneggiatura di Alessandro D’Alessandro
Fotografia di Ugo Lo Pinto
Montaggio di Roberto Di Tanna – A.M.C.
Musica composta ed orchestrata da Fabrizio Mancinelli – Edizioni Musicali SOUNDIVA srl
Produttrici: Laura e Silvia Pettini
Produzione : Felix Film
Coproduzione: Istituto Luce – Cinecittà
In collaborazione con: Fondazione don Lorenzo Milani
Distribuzione internazionale: Istituto Luce – Cinecittà

Storico Proiezioni

Cliccando qui puoi vedere tutte le proiezioni avvenute.

 

Sinossi

Barbiana, dicembre 1965. Il regista Angelo D’Alessandro sale nel Mugello, in Toscana, da Don Milani, per un’inchiesta sull’obiezione di coscienza. L’incontro con don Lorenzo e i ragazzi della Scuola di Barbiana cambieranno i suoi obiettivi.

Angelo D’Alessandro “raccoglie una testimonianza” unica, condivisa dallo stesso Don Lorenzo che narra, che parla, che spiega. BARBIANA ’65 – La lezione di Don Milani nasce dal recupero del materiale ripreso da Angelo D’Alessandro, l’unico cineasta cui don Lorenzo abbia concesso di effettuare delle riprese della vita quotidiana della sua scuola.

Le immagini del 1965 ci mostrano chi fossero i primi allievi di Don Milani. La sua scuola si rivolge soprattutto agli ultimi, ai figli degli operai e dei diseredati. Lo scopo di Don Lorenzo è chiaro, far diventare i suoi allievi dei cittadini veri, uomini capaci di andare in fondo alle cose, a ragionare con la propria testa. Il filmato originale dell’epoca mostra alcuni momenti e aspetti fondamentali della Scuola di Barbiana: la scrittura collettiva, la lettura dei giornali, i ragazzi più grandi che insegnano a quelli più piccoli. Ma c’è anche il lavoro manuale svolto dai ragazzi. E in mezzo a loro, Don Lorenzo che discute, che spiega, che interroga e si interroga. Che ora davanti alla cinepresa, fa arrivare delle domande a chi lo guarda.

Intorno a queste immagini del 1965 si sviluppa il racconto con le testimonianze di Adele Corradi, l’insegnante che ha vissuto l’esperienza di Barbiana con Don Lorenzo, di Beniamino Deidda, ex Procuratore Generale di Firenze che dopo la morte di don Lorenzo ha continuato a insegnare ai ragazzi della scuola di Barbiana, e Don Luigi Ciotti.

Scuola, Costituzione e Vangelo sono i tre pilastri su cui si sviluppa il pensiero milaniano, che trova il suo culmine nella lettura che Don Lorenzo fa davanti alla macchina da presa della sua Lettera ai Giudici, il testo scritto per difendersi dalle accuse di Apologia di reato nel processo che lo attende a Roma. Il filmato restituisce dunque la voce e l’immagine di un uomo che oggi più che mai ripropone con forza il tema della coscienza e dell’obbedienza, della giustizia e della solidarietà, della scuola che deve permettere a tutti di diventare sovrani di sé stessi.

Questo film documentario su don Lorenzo e i suoi ragazzi di Barbiana nasce dal recupero del materiale girato da Angelo D’Alessandro nel dicembre 1965 a Barbiana, ritrovato dal figlio Alessandro dopo la morte del padre.
È l’unico documento esistente con Don Milani in scena. È lo stesso Don Lorenzo che narra, che parla, che spiega.

 

Alessandro G.A. D’Alessandro 

Nato a St.Paul, Minnesota (USA), nel 1962.

Diplomato come Fotografo e Reporter cine-televisivo presso l’Istituto di Stato per il Cinema e la Tv Roberto Rossellini a Roma. Frequenta il corso di Giornalismo e Comunicazioni di massa all’Università di Minneapolis. Consegue il Master in “Scienze e tecniche delle comunicazioni sociali” presso la Pontificia Università Lateranense. Frequenta il Laboratorio di scrittura del Cinema Verità Ermanno Olmi e Paolo Valmarana “Ipotesi cinema” a Bassano del Grappa.

Ha lavorato come fotografo, regista e autore di numerosi programmi per la Rai e altre televisioni italiane e straniere. Sceneggiatore e regista di cortometraggi e documentari di inchiesta e storici e sul patrimonio storico-artistico italiano, tra i quali:

Trentino-Alto Adige, Basilicata per la serie di documentari Itinerari della Bellezza (2014), Il Gran Tour del XXI secolo: gli Uffizi (2013), L’Arte di vivere (2012), Pitrè Stories (2011),Tutto il resto non esiste (2009), La materia del colore (2008), Scrittori nel pallone (2006), L’Enigma di Harwa (2004), Cecafumo Storie di un territorio (2003), Del Drago e la moderna ricerca pittorica (1999), Comunità portoghesi in Svizzera (1994), Cristiani e mussulmani nell’Alto Egitto (1992) 

Ugo Lo Pinto direttore della fotografia 

Fotografo e Direttore della Fotografia di origini lucane.

Realizza numerosi lungometraggi e documentari tra cui: “Monk with a camera” di G. Santi e T. Mascara, selezionato agli Oscar del 2015, “The Family Whistle” documentario sulla Famiglia Coppola, in concorso alla Camera d’Or a Cannes 2016. “Krokodyle” di S. Bessoni, è il miglior film per il Puerto Rico Horror film festival e menzione SILVER MÉLIÈS al SITGES di Barcellona. “Crew 2 Crew” della New Pandora Film, distribuito in USA, Germania, Francia. “ Mineurs” di Fulvio Vetzl è film di apertura del Giffoni Film Festival del 2007.

Ha collaborato con Luciano Emmer per la realizzazione di numerosi documentari.

Attualmente è impegnato su vari progetti, tra cui un film storico, di produzione Francia-Algeria, sul personaggio Larbi Ben M’Hdì – figura centrale della Battaglia di Algeri.

Roberto Di Tanna – montaggio 

Ha iniziato a lavorare nel 2004 a fianco di Affonso Gonçalves (Re delle terre selvagge, Carol, Paterson) nel film Swimmers di Doug Sadler selezionato al Sundance film festival.

Ha montato numerosi documentari e lungometraggi tra cui “In Fondo Al Bosco” di Stefano Lodovichi per Sky Italia e Short Skin di Duccio Chiarini, Ciak d’oro 2015.

Il suo ultimo lungometraggio è Orecchie, di Alessandro Aronadio, vincitore di numerosi premi e finalista ai Nastri D’Argento 2017.

Fabrizio Mancinelli – Musiche 

Nato a Cles (Trento) nel 1979, è vissuto all’Aquila fino al 2008, vive e lavora a Los Angeles, dove si è trasferito dal 2011 per proseguire la sua carriera di compositore di musica applicata e lavorare con i maggiori professionisti del settore.

Si è laureato in Composizione e Direzione d’Orchestra con lode (2006) presso il Conservatorio Alfredo Casella dell’Aquila e specializzato in Musica per film e Tv, prima con Luis Bacalov e poi

presso USC (Los Angeles – come borsista Fulbright). La sua musica per la trasmissione TV di Rai 3, “Agorà” è stata trasmessa quotidianamente nel 2010/17 e la sua colonna sonora originale per il

documentario “Growing Up with Nine Old Men” (Disney) di Theodore Thomas è stato rilasciato a livello internazionale da Buena Vista.

Ha realizzato per Felix Film e il regista Alessandro G.A. D’Alessandro le musiche originali per il film/documentario ‘Pitré Stories’ e per la serie di documentari “Itinerari della Bellezza”. Ha recentemente completato la musica originale per il film animato “The Snow Queen 3” (Wizart). Tra i progetti futuri figurano il film animato “Mushka” di Andreas Deja (Aladdin, Il re leone), al fianco di Richard M. Sherman (Academy Award – Mary Poppins). Membro Votante dell’Accademia di Televisione, delle Arti e delle Scienze (Emmys) e di Asifa, Mancinelli è il fondatore di Fab Music, INC., società di produzione di musica e suono con sede a Glendale, California. Nel 2015 ha vinto la Fellowship del Sundance Institute (fondato da Robert Redford per formare le nuove generazioni di autori/cineasti e professionisti del Cinema) come compositore per film in residence allo Skywalker Ranch di George Lucas (2015).

Links utili:

Musiche originali

Video backstage musicale

 

 

Archivio storico Luce 

Le riprese originali a Don Lorenzo Milani e ai ragazzi della Scuola di Barbiana sono tratte da

“Una lezione di Lorenzo Milani”, testimonianza raccolta da Angelo D’Alessandro, Barbiana 1965, 

riprese di Antonio Piazza, ordinate da Milko Dujella. Archivio storico Istituto Luce – Cinecittà.

Fondazione Don Lorenzo Milani 

La Fondazione Don Lorenzo Milani si è costituita, senza fini di lucro, in nome e nella memoria dell’opera educativa e pastorale di don Milani. Ha tra gli obiettivi la promozione, la conoscenza e la divulgazione dell’insegnamento del Priore di Barbiana sviluppando progetti con le scuole e programmi di ricerca. Sempre con l’intento di far parlare don Milani attraverso i suoi scritti e far conoscere, quale fonte di valori cui ispirarsi ancora oggi, quella scuola in cui tutti erano idonei allo studio. Per questo e per la sensibilità dimostrata da Angelo D’Alessandro la Fondazione DLM ha accettato di supportare e collaborare col figlio Alessandro impegnato come regista, insieme alla società di produzione indipendente Felix Film, alla realizzazione del documentario BARBIANA ’65 la lezione di Don Milani, contribuendo con una selezione di fotografie e estratti dei video in super 8 realizzati negli anni sessanta dal professor Ammannati, provenienti dagli archivi della Fondazione DLM e da archivi privati messi a disposizione della Fondazione stessa. Agostino Ammannati, insegnante di liceo operoso e collaborativo ammiratore della scuola di Barbiana, ha lasciato decine di scatti in bianco e nero e filmini d’epoca che con realismo e poesia regalano una visione lucida di quella scuola. Il documentario di D’Alessandro rimette al centro non solo un autentico don Milani in presa diretta ma anche quei piccoli ragazzi di montagna protagonisti indiscussi, insieme al loro maestro, della scuola di Barbiana. La Fondazione DLM sostiene la diffusione di BARBIANA ’65 la lezione di Don Milani a fini didattici, sociali, culturali e non lucrativi come strumento di conoscenza della figura di don Lorenzo Milani, dei suoi ragazzi e di Barbiana quale luogo da difendere nella sua purezza, povertà e integrità.

Lo faccio per voi, per lasciarvi un ricordo della nostra scuola speciale. Era il 1965 e don Lorenzo era già molto malato. Sapeva che gli sarebbe rimasto poco da vivere e ancora una volta pensò a noi, ai suoi ragazzi per cui spese tutta la sua vita di prete e maestro” ricorda Michele Gesualdi tra i primi allievi di Barbiana.

Quel regista entrò in punta di piedi nell’aula e si mise ad ascoltare la lezione con rispetto. Fu quel rispetto e quel silenzio che convinsero don Lorenzo a farsi riprendere eccezionalmente dal Angelo D’Alessandro. Un girato prezioso diretto e senza interpretazioni su quello straordinario percorso didattico ed umano, costruito di vivere insieme, in cui la parola, l’istruzione e la conoscenza emancipano e costruiscono una cittadinanza critica e solidale.

Fondazione per le Scienze Religiose Giovanni XXIII 

La Fondazione per le scienze religiose Giovanni XXIII di Bologna, diretta ora dal prof. Alberto Melloni, è un’istituzione di ricerca, che pubblica, forma, serve, organizza, accoglie e comunica la ricerca nell’ambito delle scienze religiose, con particolare riguardo al cristianesimo e alle religioni con cui esso è venuto a contatto. Con la sua biblioteca tra le più prestigiose a livello internazionale, con l’Alta Scuola Europea di scienze religiose, con il gruppo di giovani ricercatori, intende dare continuità all’attività di ricerca scientifica nel campo delle discipline storico-religiose iniziata dall’intuizione rigorosa di Giuseppe Dossetti (1913-1996) e sviluppatasi grazie alla passione intellettuale di Giuseppe Alberigo (1926-2007), che ne è stato per quasi cinquant’anni l’anima e il segretario.

L’Archivio Milani 

Nel 1974, Alice Weiss Milani Comparetti, madre di don Lorenzo scelse l’allora Istituto per le scienze religiose diretto da Giuseppe Alberigo (oggi Fondazione) quale sede per depositare le carte private del figlio, le sue e quelle dei suoi amici più intimi, nonché come luogo a cui affidare la ricerca e lo studio della vita e delle opere di Milani. Il Fondo Lorenzo Milani venne formalmente costituito nel mese di giugno del 1974, anticipato da una lettera circolare firmata a nome di Alice e dei figli, Adriano ed Elena, e indirizzata «Agli amici di don Lorenzo Milani» in cui si chiedeva di far convergere tutti i documenti relativi a don Milani nell’istituto di ricerca bolognese. Ora l’Archivio Milani è diretto dal prof. Federico Ruozzi, che ha coordinato l’opera omnia di don Milani, uscita per i Meridiani Mondadori nel 2017.

Qui sono conservati anche i nastri originali (Archivio Milani, Fondo Pecorini, audio) della conversazione tenuta da don Milani a un gruppo di studenti e professori di una scuola fiorentina di giornalismo, svoltasi una domenica di dicembre 1965, prima della ripresa del processo (martedì 14 dicembre 1965) per apologia di reato intentato contro Milani per la Lettera ai cappellani militari. La lezione è ora conosciuta con il titolo di Strumenti e condizionamenti dell’informazione.

 

Note di Regia

Don Milani, mio padre, io

I temi della fede, del Vangelo, dei diritti umani, della guerra e della pace, sono stati spesso argomento di riflessione nella mia famiglia, in quanto direttamente collegati all’attività di mio padre Angelo D’Alessandro, come regista e autore televisivo ma anche docente di regia cinematografica al Centro Sperimentale, documentarista cresciuto nel solco del Cinéma Vérité e del Neorealismo.
A casa, di ritorno dalle riprese, da un’intervista o un incontro significativo, mio padre condivideva anche con la famiglia il percorso di un nuovo lavoro.
Dell’incontro con Don Lorenzo Milani e i suoi ragazzi, dei viaggi a Barbiana del 1965, mi ha raccontato in diverse occasioni e più raramente ricordo ne accennasse in qualche seminario sul cinema all’Università. E se accadeva era per trarne un esempio rispetto all’argomento trattato. In qualche modo Don Milani affiorava nei modi più imprevedibili.
Inoltre ne aveva scritto in un numero speciale del mensile Testimonianze del dicembre del 1967.
Anche mio padre è stato inevitabilmente segnato dall’incontro con Don Milani e i suoi ragazzi, come è accaduto alla maggior parte delle persone che per un motivo o un altro lo hanno cercato e hanno avuto la possibilità di entrare in contatto diretto con lui.
A mio padre è toccato anche avere, tra pochissimi, la possibilità di riprenderlo con una macchina da presa. Si era recato a Barbiana nel dicembre del 1965 e desiderava tra l’altro mostrare ai ragazzi un film di Pabst, Tragedia nella Miniera, considerato uno dei principali film pacifisti. In effetti appena a Barbiana arriva la corrente elettrica, la prima cosa che Don Milani fa, oltre a comprare la lavatrice e a chiedere in regalo macchine per scrivere e calcolatrici elettriche per la scuola, è procurarsi un proiettore 16 millimetri con cui vivisezionare coi ragazzi film d’autore, analizzandone linguaggio e montaggio fotogramma per fotogramma. Il film infatti viene visionato varie volte dal Priore e dai ragazzi che alla fine dimostrano di come si tratti in realtà di un film mediocre. Mio padre racconta di come avessero perfettamente ragione: era salito per fare lezione ai ragazzi ma la lezione l’avevano fatta a lui.
Perché il materiale filmato nel ‘65 è rimasto “nascosto” per 50 anni
Il materiale messo insieme da mio padre è di circa 40 minuti in pellicola bianco e nero, mentre la colonna sonora venne registrata a parte su nastro magnetico, come si usava in quegli anni.
Ricordo il suo racconto, confermato anche da Antonio Piazza, direttore della fotografia e operatore di quelle riprese, della delusione avuta nel non aver avuto risposta tempestiva e di vero interesse da parte della Rai cui aveva proposto il materiale in un primo momento, appena terminate le riprese.
Sapevo che mio padre solo nel 1980, in occasione di un convegno a Firenze su Don Milani, aveva proposto in una proiezione al pubblico il film-documento intitolato Una Lezione di Lorenzo Milani, realizzato con il materiale girato a Barbiana nel ’65 e “ordinato” con il suo montatore Milko Dujella (questa è la parola precisa che appare nei titoli di testa) e avendo registrato brevi commenti, solo in voce, della sua esperienza a Barbiana.
Ma poi del materiale non avevo saputo più nulla.
Forse deve aver ritenuto che i tempi non fossero ancora maturi, forse in lui era maturato un ripensamento, una sorta di pudore rispetto a quelle immagini o non condivideva l’uso che se
ne intendeva fare, consapevole del peso che avrebbero potuto avere negli anni immediatamente successivi.

Ciononostante, a seguito di richieste di persone di cui aveva stima e fiducia, decise di concedere a titolo gratuito circa 5 minuti di quel materiale per un servizio RAI sulla Scuola di Barbiana che sarebbe stato trasmesso all’interno della rubrica televisiva ‘Boomerang’, nel 1971.

Lo stesso materiale, il giornalista Giorgio Pecorini, lo richiese, ed ottenne a titolo gratuito, limitatamente all’inserimento in un programma sulla scuola italiana della Televisione Svizzera Italiana; si tratta della sesta puntata del programma “Viaggio nella lingua italiana” dal titolo “Scrittori non si nasce” di Tullio De Mauro, Giorgio Pecorini e Brunella Toscani del 14 settembre 1979.

Infine mio padre concesse al regista Bernard Kleindienst di usare sempre pochi minuti, più o meno gli stessi del programma svizzero, per il documentario “Adieu Barbiana!” del 1994.

Quelle poche inquadrature che raccontano don Milani e la scuola di Barbiana, che furono concesse limitatamente a questi programmi, purtroppo sono invece state più volte indebitamente usate negli anni successivi in tanti speciali e programmi televisivi anche recenti.

Mio padre si era pentito di quella cessione, non tanto per la sistematica omissione del suo nome come autore delle riprese, ma per l’uso parziale e divergente dalla sequenza originale, come spesso accade nel formulare un nuovo montaggio.

Per questo motivo oggi quel materiale prezioso, unico, mia sorella ed io lo abbiamo affidato all’Archivio Storico Istituto Luce, perché venga adeguatamente conservato, difeso da usi impropri, diffuso.

BARBIANA ‘65 – La lezione di Don Milani 

Solo dopo la scomparsa di mio padre, dopo una lunga malattia che ha lentamente cancellato memorie di una vita e lasciato senza risposte domande che avrei voluto fare con più evidenza e forza, ho cominciato a mettere ordine nel suo archivio e tra altri interessanti documenti, ho ritrovato il materiale in pellicola originale in 16 mm.

La visione del materiale, rivelatosi in condizioni eccellenti, e soprattutto delle bobine delle registrazioni audio, mi ha spinto a recuperare informazioni legate a quell’esperienza e a poco a poco l’approfondimento è diventato un impegno che non potevo derogare oltre.

All’inizio si è trattato di emozioni, ricordi, corrispondenze, ricostruzioni tra il privato e il pubblico, che hanno conquistato man mano uno spazio e un tempo preciso nella mia vita di autore e documentarista a mia volta, finché ho cominciato a prendere coscienza di come riproporre questo materiale e collocarlo nella giusta dimensione mediatica e personale.

Sono tante le risonanze e le corrispondenze che il materiale ha evocato ma c’è stato un momento soprattutto determinante ed è stato quando ho potuto riascoltare le diverse bobine audio ancora in ottimo stato.

Riaccoppiate non senza fatica con le immagini (il materiale audio è infatti più ricco rispetto al girato originale), offrivano quella forza, coerenza, quel calore umano, un misto di dolcezza e determinazione spietata, che tante volte sono state raccontate e testimoniate da chi ha conosciuto Don Milani.

C’era lui in persona, con la sua voce, i suoi occhi e i suoi ragazzi.

Il materiale insomma reclamava di essere mostrato nella sua integrità e completezza per far comprendere meglio come e cosa Don Milani vivesse nell’esperienza della Scuola di Barbiana con i suoi ragazzi. Partendo dunque dalla forza di questo materiale che ripropone in modo così efficace e semplice, anche per i mezzi di ripresa utilizzati all’epoca, tutta l’umanità e la tensione esistenziale e morale che insieme alla fede animarono Don Milani, ho cominciato a lavorare sul progetto di un film-documento sull’esperienza di Barbiana.

Alessandro G.A. D’Alessandro

 

Sul set

 

Produzione

Felix Film

La Felix Film, costituita nel 1998 da Laura Pettini e Silvia Pettini, è una società indipendente di produzione cinematografica e televisiva con caratteristiche produttive internazionali.
Ci impegniamo nei progetti che amiamo e condividiamo con gli autori, documentari orientati principalmente nel genere storico, interesse sociale, arte, scienza, cinema.
I nostri film sono stati realizzati in coproduzione con Rai Fiction, Rai Cinema, Istituto Luce, Sugar, Rhombus Media, Cinecittà Holding, Rai Com, Surf Film, Haibun, Vostok Film, Rai Teche, Ministero Affari Esteri, Cineteca di Bologna, Museo del Cinema di Torino, e trasmessi dalle principali antenne televisive: RaiUno, RaiDue, RaiTre, Rai5, RaiStoria, Ndr Arte; Avro; Sdf; Yle, Svt; distribuiti da Rai Com, Surf Film, CecchiGoriGroup, Fastweb Vod, Gruppo L’Espresso, Dolmen, Terre Sommerse, Kinowelt, CNC.
Per il nostro lavoro abbiamo ricevuto riconoscimenti e il sostegno di:
MediaTV Broadcasting Programme Distribution, Film Commission Regione Siciliana, Film Commission Torino Piemonte, Regione Emilia-Romagna, Regione Lazio-Fi.La.S, Regione Valle d’Aosta, Regione Basilicata, Ministero Beni e Attività Culturali, Fondazione Giuseppe Di Vittorio, MediaPlus programma dell’Unione Europea, CNC Centre Nationale Cinematografie, Museo Nazionale del Cinema di Torino, Fondo Gramsci, Fondo Visconti.

Le nostre ultime produzioni:
Pitrè Stories, di Alessandro G.A. D’Alessandro e Marco Leopardi, distribuzione RaiCom, 2011;
Itinerari della Bellezza, autori vari, distribuzione RaiCom, 2014;
Viaggio in Italia in Basilicata, di Alessandro G.A. D’Alessandro, 2015;
Non Arretreremo! Renato Zangheri, il Sindaco professore, di Mauro Bartoli e Michele Stanzani, 2016.

La Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia accoglie per la quarta volta un nostro film in anteprima mondiale:
Luchino Visconti, di Carlo Lizzani, 1999;
Cesare Zavattini, di Carlo Lizzani, 2003;
Giuseppe De Santis, di Carlo Lizzani, 2009;
BARBIANA ’65 la lezione di Don Milani, di Alessandro G. A. D’Alessandro, 2017.